PROSA

LA SIGNORINA JULIE

Strindberg, nel suo tentativo di innovare il teatro sottolineava la necessità di ricreare un realismo quasi fotografico nella messa in scena attraverso il trucco teatrale, i dettagli.

Quello che ci interessa oggi, invece, è la profondità del dramma, la sua attendibilità interiore.

La notte di mezz’estate di shakespeariana memoria in cui si svolge conduce il pubblico in uno gabbia mentale ( e simbolica): un sogno, un incubo immerso nel buio dell’oblio e dell’inconscio.

Dentro la testa dei personaggi, degli spettatori.

Non c’è nulla di naturalistico nella scena dai colori grigi (con elementi che ricordano gli oggetti dilatati che si trovano in una gabbietta per uccelli), nell’uso del suono; solo gli attori e i loro corpi si assumono il dramma che si fa carne e libera tutta la sua potenza.

Il dramma racconta la vicenda che vede Julie, giovane figlia di un conte, passare la serata di San Giovanni alla festa della servitù, mentre il padre è assente. Cerca di sedurre il cameriere Jean, il quale si dichiara innamorato di lei. Visti dai servitori decidono di scappare per l'imminente caduta della reputazione della ragazza, ma scoperti dalla cuoca Kristin non riescono nell'intento. Tornato il conte, la situazione precipita fino al tragico epilogo.

1/4

GUARDA IL TRAILER

crediti

di: August Strindberg

 con: Anna Tringali, Giacomo Rossetto, Eleonora Marchiori

 

regia: Giorgio Sangati

 

scene: Antonio Zonta

 

costumi: Paola Zaniolo e Alice Caron

 

luci: Andrea Patron

produzione: Teatro Bresci

anno di produzione: 2019

DOWNLOAD

TEATRO BRESCI    

Via G. Tonello 5

35010 Limena (PD)

+39 331 7383624

TRASPARENZA

P.I.: 04475430288

C.F.: 90142610279

PEC: teatrobresci@pec.it

DISTRIBUZIONE

Giulia Diomaiuta: +39 388 4688457 distribuzione@teatrobresci.it

FORMAZIONE

Anna Tringali: +39 340 3635194 info@teatrobresci.it

RESPONSABILE TECNICO

Stefano Razzolini: +39 389 4374794 info@teatrobresci.it

Iscriviti alla nostra newsletter